MONITORAGGIO SATELLITARE PER LA PREVISIONE DEL RISCHIO D’INCENDIO BOSCHIVO
Sperimentazione pre-operativa in Basilicata

Responsabile della pubblicazione:
Rosa Lasaponara

ISBN: 978-88-8080-117-7


 

 

Presentazione del libro

Questo libro ha l’obiettivo di illustrare i risultati derivanti dalla collaborazione scientifica instaurata fin dall’anno 2008 fra l’Ufficio della Protezione Civile del Dipartimento Infrastrutture della Regione Basilicata e l’Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-IMAA) con sede a Tito Scalo (PZ) finalizzata all’implementazione ed alla sperimentazione di un modello di previsione del rischio d’incendio boschivo.

L’assunto centrale alla base della sperimentazione dei nuovi approcci adottati nella pianificazione antincendi boschivi nella Regione Basilicata è la definizione di una metodologia integrata per la caratterizzazione del rischio d’incendio in grado di integrare differenti tecniche di analisi realizzando, al contempo, proficue sinergie tra i vari attori coinvolti nel processo pianificatorio e di lotta attiva al fuoco.

E’, infatti, opinione molto diffusa in ambito scientifico che un approccio di questo tipo, in grado di utilizzare strati informativi di qualità, costituisca un concreto passo in avanti rispetto alle tradizionali metodologie basate solo su analisi statistiche di serie storiche.

L’analisi dei fattori predisponenti gli incendi e la valutazione dello stato e tipo della vegetazione correlati alla presenza di combustibili e alla vulnerabilità al fuoco dei diversi ecosistemi, può permettere, invece, di fornire indicazioni molto significative su tutta la filiera della pianificazione antincendio boschivo: previsione, prevenzione, lotta attiva, stima del danno e recupero post-incendio.

Nello specifico, inoltre, le metodologie di analisi adottate derivano dallo sviluppo e sperimentazione di     modelli ed algoritmi prototipali sviluppati presso i laboratori del CNR-IMAA e basati sull’uso di dati satellitari. Pertanto, il sistema proposto si basa sull’assunzione che l’uso dei dati telerilevati può permettere di ottenere diversi prodotti che vengono progressivamente inseriti in un modello e sono riferibili a parametri statici e dinamici connessi alla stima del pericolo d’incendio. I risultati raggiunti illustrati in questo volume, suscettibili delle integrazioni e sviluppi di cui parlano gli autori, dimostrano che l’approccio utilizzato permette di monitorare in modo corretto ed affidabile le variazioni spaziali e temporali della suscettibilità al fuoco della vegetazione, risultando allo stesso tempo un elemento rilevante per l’elaborazione di un metodo partecipato di pianificazione.

Questa attività si inserisce in un quadro consolidato di collaborazioni tra il CNR-IMAA e la Pubblica Amministrazione finalizzate alla mitigazione e prevenzione dei rischi ambientali. Il CNR, infatti, ritiene strategico promuovere le azioni di trasferimento dei risultati della ricerca al sistema degli end-users.

Il sistema della Protezione Civile della Regione Basilicata, infine, sostenendo ed adottando tali metodologie rivela la capacità di coniugare approcci innovativi nella fase di conoscenza e concrete strategie di contenimento degli incendi boschivi.

Tavola dei contenuti

CAPITOLO 1

INTRODUZIONE (4)

Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

CAPITOLO 2

INCENDI DI VEGETAZIONE E STIMA DEL RISCHIO D'INCENDI (16)

Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

CAPITOLO 3

CLASSIFICAZIONE E MAPPATURA DEI COMBUSTIBILI (29)

Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

CAPITOLO 4

MAPPPATURA DEI COMBUSTIBILI DI VEGETAZIONE (30-53)

Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

CAPITOLO 5

METODI DI PREVISIONE DEL PERICOLO DI INCENDIO A SCALA EUROPEA (54-66)

Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

CAPITOLO 6

MODELLO DI PREVISIONE DEL RISCHIO D’INCENDIO BOSCHIVO PER LA BASILICATA (68-100)

 Rosa Lasaponara, Antonio Lanorte

APPENDICE A

Glossario (102-103)

Tiziana Montesano

APPENDICE B

Analisi del fenomeno incendi in Basilicata (108)

Fortunato De Santis

APPENDICE C

Schede tecniche dei sensori satellitari utilizzati per lo studio dello stato della vegetazione (126)

Tiziana Montesano

APPENDICE D

Classificazione dei dati tele rilevati (130)

Tiziana Montesano

APPENDICE E

Stima dell’accuratezza delle classificazioni (132-135)

Antonio Lanorte

APPENDICE F

Validazione delle mappe di pericolo d’incendio (136-141)

Antonio Lanorte

APPENDICE G

Algoritmo utilizzato per lo sviluppo del modello di stima del pericolo d’ incendio - Diagramma di flusso (142)

Antonio Lanorte

APPENDICE H

Analisi dati incendi stagione estiva 2009 in Basilicata (144-147)

Fortunato De Santis

APPENDICE I

Realizzazione di un sistema informativo territoriale (sit) per l’analisi dell’occorrenza degli incendi pregressi in Basilicata (148-151)

Angelo Aromando

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI (176)